PUNTO D'INCONTRO
FRANCESCANO
 
Via Felicia Rasponi 1,3,5 - 48121 Ravenna
Tel 0544-30022
E-mail: puntodincontrofrancescano@
gmail.com
 

 

                          

    

 
HomeRelazione 2009-10Relazione 2008-09Relazione 2007-08Relazione 2006-07Relazione 2005-06Relazione 2004-05

Relazione attività 2005-06
 

A conclusione di questo periodo di attività, riflettiamo su quanto è stato fatto e pensiamo ad eventuali miglioramenti futuri su cui meditare nel periodo di vacanza.

Partiamo dalla SELEZIONE E  SMALTIMENTO  da cui dipende gran parte della nostra attività.

Molto il materiale portato al nostro punto di raccolta da privati e da varie associazioni. Oltre al Movimento per la vita e alla Caritas, la nuova associazione  “Una carrozzina per due” o “Letizia” ci ha consegnato indumenti per adulti.

La selezione è avvenuta come sempre attraverso varie fasi: indumenti da distribuire il martedì, materiale per il mercatino del giovedì, indumenti di scarto, ma riciclabili che, recuperati da fra Vittore, vengono portati a Prato, materiale da mettere nel cassonetto e nelle cucce del canile e del gattile.

ASCOLTO E DISTRIBUZIONE

Gli indumenti ai poveri sono stati distribuiti, come sempre, il martedì pomeriggio. Il materiale a disposizione è stato nel complesso abbondante, ma di qualità molto modesta e il ricambio è avvenuto con eccessiva lentezza. In particolar modo le scarpe e la biancheria personale spesso sono state improponibili. Sarebbe opportuno utilizzare con più frequenza materiale del mercatino.  Per gli indumenti dei bambini  ci è giunto un buon aiuto da alcuni privati che hanno acquistato indumenti nuovi e dall’associazione “Letizia”.

Le persone passate dal punto d’ascolto e dalla distribuzione dal 13 settembre ad oggi sono state 397 di cui 261 nuovi “clienti”( 235 donne e 162 uomini). Con i ritorni le persone servite sono state 772; poiché hanno preso anche per familiari sono stati dati indumenti a circa 2000  persone. La maggioranza viene dall’Europa dell’Est (168), seguono Nord Africa (81), Italia (53), Africa (44), ex Jugoslavia (36). Solo 3 persone sono venute 9 volte; 1 persona 8 volte; 8 persone 7 volte; 4 persone 6 volte; 8 persone 5 volte; 19 persone 4 volte. La maggioranza è passata dai nostri sportelli 1 sola volta in 10 mesi di attività.  E’ questo un dato molto significativo; a differenza di altre associazioni che non fanno selezione di materiale, il nostro materiale risulta meno interessante.

Per quanto riguarda  la casa: 64 su 397 sono  sulla strada (15%); 6% sono badanti; 4% sono in roulotte.

Per quanto riguarda il lavoro: 20% con lavoro spesso nero o sottopagato;  80% senza lavoro (vedere tabulati allegati).

Al di là delle indicazioni e dei consigli pratici per mangiare, dormire, lavarsi, ottenere assistenza medica, cercare lavoro, regolarizzare la propria posizione, ottenere aiuti economici per l’affitto, per la scuola, ecc. il punto d’ascolto viene molto apprezzato come momento di comunicazione, di dialogo, momento in cui anche il più diseredato può far sentire la propria voce. Questo contatto sempre corretto, talvolta quasi amicale che si stabilisce all’ascolto, dovrebbe essere mantenuto alla distribuzione. Ma questo non avviene quasi mai. Anche per il mercatino potrebbe essere importante conoscere un po’ più a fondo alcune persone nel bene e nel male. E’ certo che la conoscenza che si instaura con l’ascolto e con  il dialogo è fondamentale per la correttezza del rapporto. Alcuni volontari in più, in grado di garantire una presenza il più possibile costante, potrebbero migliorare la situazione.

DISTRIBUZIONE VIVERI E ALTRO

La distribuzione di viveri e altro materiale (passeggini, carrozzine, mobili,ecc.) quest’anno è stata ricca.  

Ogni martedì è stata data la merenda ( due persone ci hanno offerto 40 euro) ; giocattoli che vengono in genere lavati da Nazzarena; qualche volta prodotti per l’igiene (bisognerebbe cercare di averne di più forse chiedendo alle farmacie); omogenizzati e cibo per la prima infanzia.

Il Banco alimentare, per l’intervento di fra Vittore, ha mandato molto più di quanto avessimo richiesto. La Società Conserve Italia ci ha fatto avere confezioni di pomodori e succhi di frutta. ( vedere gli elenchi allegati alla relazione del 20 febbraio 2006). In questo modo durante tutto l’anno abbiamo aiutato chi era veramente in difficoltà e abbiamo distribuito a tutti nei mesi di aprile e maggio.

Con l’Operazione sportine, a Natale abbiamo preparato 130 sportine con viveri di qualità comprati al Conad Galilei.  La raccolta in chiesa all’inizio dell’Avvento (1984 euro) ci ha permesso di coprire la spesa, lasciare qualcosa al convento e avere a disposizione 864 euro per merende e ufficio (vedere prospetto allegato alla relazione del 20 febbraio). Per merende e ufficio sono stati spesi circa 300 euro (vedere conto allegato). Restano circa 500 euro, che potrebbero rimanere come scorta per il prossimo anno.

CORSO DI ITALIANO

Da ottobre alla fine di maggio,il giovedì pomeriggio, si è svolto il corso di Italiano   (Conversazioni) tenuto da due insegnanti. La partecipazione è stata molto discontinua, anche perché alcune donne durante questi mesi hanno trovato lavoro. Ma al di là dei risultati scolastici, va sottolineato come sempre l’aspetto socializzante che questa attività permette di realizzare. Pertanto è importante riproporla e continuarla anche se per poche donne. Potrebbe essere di aiuto avere una persona in grado di badare i bambini durante le lezioni.

MERCATINO MISSIONARIO

Sempre aperto il giovedì pomeriggio, è stato molto frequentato e ha realizzato un incasso complessivo di 18300,00 euro (vedere prospetto allegato).

Dovrebbe essere evidenziato maggiormente che si tratta di un mercatino benefico a favore delle missioni anche attraverso cartelli e immagini da mettere all’ingresso.

LABORATORIO

Il martedì ha registrato una partecipazione abbastanza costante di alcune signore. Vi sono stati due momenti di vendita con un incasso di 1337,00 euro (vedere prospetto allegato).

Forse sarebbe opportuna una maggiore pubblicità del lavoro del laboratorio sia in occasione delle mostre sia durante tutto l’anno.

LOTTERIA

Anche quest’anno Giovanna  con la sua caparbietà e il suo notevole impegno  è riuscita ad allestire una ricca lotteria ( più di 200 premi). Pur avendo venduto meno biglietti dello scorso anno, il ricavato è stato di 3691 euro.  Molti di noi contestano la modestia dei premi, tutti (tranne il primo) di recupero. Forse i premi sono troppi (e tante cose potrebbero essere vendute con maggior guadagno); ma coloro che comprano i nostri biglietti, lo fanno per fare un’offerta pur sapendo che i premi sono modesti ; quindi anche acquistare premi più ricchi forse non farebbe aumentare la vendita.

PROGETTI MISSIONARI

I progetti dei Missionari cappuccini in Etiopia sono stati sostenuti dagli  incassi del mercatino, del laboratorio e della lotteria, ma anche dalle offerte di numerosi benefattori.

Da settembre ad oggi sono stati raccolti 2989 euro che permettono di acquistare 84 pecore, 9 pacchi di materiale scolastico, pagare 1 insegnante, potabilizzare 1 fonte ed operare agli occhi 2 persone.

Si ricorda che rendere potabile l’acqua e favorire l’alfabetizzazione sono sempre interventi prioritari per i missionari.

Si è cercato di fare un lavoro costante di informazione e propaganda. E’ stato anche organizzato un incontro aperto alla cittadinanza con padre Ivano Puccetti nella sala del Centro missioni. Per il prossimo anno bisogna cercare di fare qualcosa di più.

Comunque interessante il diffondersi dell’ idea di sostituire regali natalizi o per altre liete occasioni con offerte alle Missioni.

Per il Natale sarebbe opportuno preparare un cartoncino adeguato di ringraziamento.

ATTIVITA’ CULTURALE

Come sempre la celebrazione della festa di S. Pio è stato il primo momento spirituale e culturale del Punto d’incontro.

Nel triduo: riflessioni con mons. Verucchi; presentazione del libro di padre Dino “Paolo: Le prime parole su Gesù.”; del progetto “Leggiamo e parliamone insieme”. Mostra-vendita di manufatti del laboratorio, di oggetti e libri del mercatino, di opere di Flaviano Laghi e Venanzio Reali.

“Leggiamo e parliamone insieme” è stata l’attività culturale organizzata dal Punto d’incontro. Sei conversazioni su problematiche dell’oggi, partendo dalla rivista Messaggero cappuccino con la partecipazione di padre Dino, di voci laiche ( prof. Taroni, dott. Medri, dott. Renzi, prof.ssa Patuelli, dott.ssa Gambi, dott. Moretto) e degli studenti dei Licei Classico e Scientifico. Ogni incontro è stato introdotto da riflessioni sul pensiero degli antichi e da immagini di attualità.

Gli argomenti: Alla ricerca di quale religiosità? – Perché la sofferenza? – Un futuro per noi? – Siamo liberi?-  Paga la gratuità? – C’è ancora posto per i sentimenti?. (Vedere cartoncino allegato).

L’esperienza è stata giudicata molto positivamente dai ragazzi ( ai quali è stato rilasciato un attestato di frequenza) e dagli insegnanti ; forse  meno sentita ed apprezzata dagli adulti che in parte hanno rimpianto gli incontri più ristretti di “Così dice Francesco”. Non vi sono state particolari spese in quanto il materiale informativo ci è stato regalato dal sig. Mazzanti.

I Martedì di Sant’Apollinare, organizzati dall’Ufficio cultura della Diocesi, di cui è direttore padre Dino, sono stati seguiti con interesse dal Punto d’incontro. Nel ciclo autunnale “Processo alla TV”; nel ciclo primaverile “Quale educazione?”

Nel discorso culturale ricordiamo la presenza della musica e del coro durante le messe del sabato pomeriggio e della domenica alle 10. La musicista Cristina Bilotti sta  cercando di preparare sempre meglio il coro; inoltre è con il suo intervento se si è giunti alla sostituzione del vecchio organo (vicino al collasso) con un organo a canne che si spera possa essere funzionante da settembre. L’acquisto è stato reso possibile dalla generosità della signora Idina Ferruzzi, della Fondazione Cassa di risparmio, della  CMC e di altri. Quanto raccolto dovrebbe permettere anche di organizzare un concerto inaugurale.

VARIE

Interessante l’intervento in stage di 4 studentesse del Liceo Classico, indirizzo Psicopedagogico,  protrattosi da gennaio a maggio 2006, promosso dalla docente prof. Paola Rossi. Le ragazze a rotazione hanno collaborato al Corso di Italiano e ad altre mansioni concernenti l’attività del Punto d’incontro.

Si ricorda che è stata fatta una richiesta di finanziamenti alla Fondazione Cassa di Risparmio. Si attende risposta.

CONCLUSIONE

A chiusura dell’ incontro padre Dino sottolinea che il lavoro è stato molto, che sono aumentate le attività. Di notevole importanza l’apertura agli studenti, in quanto esperienza veramente nuova per la nostra città. I vari settori del Punto d’incontro hanno collaborato abbastanza bene fra di loro pur presentando diversità di idee e metodi operativi.

La segretaria del Punto d’incontro
Laura Triossi

Ravenna, 27 giugno 2006